Bonus Alberghi: Agevolazioni fiscali per il settore turistico

Nell’ambito delle misure per il sostegno e il rilancio dell’economia nel settore turistico l’articolo 79 D.L. 104/2020 (c.d. Decreto Agosto) ha destinato fondi pari a 180 milioni di euro per ciascuna annualità al rifinanziamento del credito d’imposta per la riqualificazione ed il miglioramento delle strutture ricettive (c.d. bonus alberghi o tax credit riqualificazione). 

Fra gli interventi e le spese ammesse ci sono le
spese per l’acquisto di mobili e complementi d’arredo; le spese per l’incremento dell’efficienza energetica; le spese per le ristrutturazioni edilizie. Tutte spese che devono esse destinate agli immobili che saranno oggetto degli interventi edilizi.

È bene ricordare che il credito così generato è utilizzabile esclusivamente in compensazione e, a differenza della precedente scrittura, può essere usufruito in un’unica soluzione senza doverlo ripartire in quote annuali.

Alcuni elementi cardine:

  1. Possono goderne le imprese alberghiere (a) esistenti al 1° gennaio 2012 che effettuano interventi di ristrutturazione alberghiera.
  2. Le singole voci di spesa sono agevolabili ciascuna, nella misura del 65%. (attenzione l’importo totale delle spese è però limitato alla somma di poco più di 307.000 euro per ogni impresa alberghiera. Di conseguenza potrà beneficiare di un credito di imposta del 65% pari a 200.000 euro.)
  3. Il precedente meccanismo prevedeva la presentazione dei documenti attestanti le spese e firmata dal presidente del collegio sindacale o da altro professionista abilitato attraverso un click day la cui data al momento non è ancora definita.

RESTA IN CONTATTO

“L’identità aziendale si lega inevitabilmente con la storia di un sogno,  di un progetto nato nel 1954 nell’ambito della tappezzeria e imbottiti e continua tutt’oggi a raggiungere diversi obiettivi di mercato in diversi ambiti..”

    Nominativo (*)

    La tua Email (*)

    Telefono (*)

    Richiesta